martedì 26 ottobre 2010

Non è uno sport per signorine

- E allora gli faccio, dico: un milione e due e siamo d’accordo.
- Un milione e due all’anno?
- E che, al mese?
- Sì, cioè, però... è poco.
- Meglio di niente.
- Sì, ok, ma Miguel non è “niente”. Dovevi tirare.
Gianluigi sorrise. Una ruga gli si disegnava sulla parte destra del volto: scendeva dall’auricolare e veniva giù verso la bocca, fino a insediarsi alla base del mento. Secca, profonda. La chiamano “la linea del procuratore”: inizia a disegnarsi verso metà luglio, fine luglio se ci sono i mondiali, e poi si scava sempre più fino ad arrivare all’ultimo giorno d’agosto, quando lo stress da trattativa l’ha già fatta diventare un canyon. Poi, per magia, sparisce fino a gennaio.
- Non potevo tirare più. Miguel doveva andare via.
- Ma che stai dicendo? Con quello che ha fatto al mondiale? Con la stagione pazzesca che gli è venuta fuori l’anno scorso?
- Potenza non andava più bene per lui. E poi l’offerta del Nuoro era troppo allettante.
- Ma che dici? A Potenza Miguel è Dio: i tifosi lo adorano, gli sponsor se lo litigano, le conferenze stampa con lui sono sempre piene, le ragazze...
- Le ragazze, appunto.
- ...sognano di scoparselo...
- Appunto.
Dalla borsa di Gianluigi sbucò un foglio del “Corriere della Basilicata”: il titolo gridava a sei colonne quell’episodio di sei mesi prima, quello che tutti avevano dimenticato. “Aggressione a Carrizo e Bogado”: i due, spiegava il giornale, erano stati affiancati da un’altra auto con quattro ragazzi a bordo, che all’improvviso avevano preso a colpi di catena la Mini dei due calciatori.
- E quindi? Mi vuoi dire che s’è spaventato per ‘sta cosa?
- Doveva spaventarsi.
- Minchiate. Non lo sai com’è Potenza? I rapinatori ci sono, Miguel lo sapeva prima. Evidentemente quelli volevano fare una rapina al volo, ma poi hanno riconosciuto Miguel e Germán e si sono fermati.
- Germán forse. Ma Miguel l’avevano riconosciuto prima.
- Ok, Miguel guadagna un sacco di soldi. Ma perché, secondo te a Nuoro rapinatori non ce ne sono?
Gianluigi guardò Domenico come per compatirlo. Mise di nuovo la mano alla borsa e ne tirò fuori una foto: nello scatto, abbastanza confuso, si vedeva un po’ di folla allo Stuttgart, il locale del centro di Potenza dove è scontato incrociare i pochi vip della città. Imprenditori, politici, attricette e, ovviamente, calciatori, come per l’appunto dimostrava la foto: al centro della scena, evidentemente ubriaco, Miguel era in atteggiamento da piovra con una tizia bionda.
- Non è male.
- Già. Però ha un difetto: è sposata.
- Eheh. Lo sai che il calcio non è uno sport per signorine.
- Sei il solito minchione. E comunque vai a raccontarlo a quello che si è preso la premura di fare avere questa foto a Miguel.
- Minchia.
- Una settimana prima dei colpi di catena.
- Minchia.
- Un milione e due com’è?
- Una meraviglia.
Domenico guardò di nuovo la foto. Pensò a tutte le donne sposate che s’era scopato. Un brivido gli attraversò la schiena.

19 commenti:

  1. gulp... in certi ambienti si rischia davvero il fallo da dietro!

    RispondiElimina
  2. Dopo questa di ghiaccio-nove non si può proprio commentare di meglio :-D

    RispondiElimina
  3. @g9: non leggevo un gulp da anni, credo. Comunque sì, sono d'accordo.
    @vaniglia: si può sempre fare di meglio :)

    RispondiElimina
  4. Un bel tipo sto Miguel ....
    ciao

    RispondiElimina
  5. Procuratori in tv...spogliatoi in tv...fumetti in tv...
    Complimenti per lo stile.
    Salverei solo i fumetti in tv. http://www.youtube.com/watch?v=RdWcGv1gFas

    RispondiElimina
  6. @Valerio: un bel tipo sì
    @Fabio: E così ci riagganciamo al primo commento :)
    Grazie :)

    RispondiElimina
  7. ...bello, bello, bello. mi ci sono incollata sopra come fosse la carta di una caramella, ma siccome non so una cippa di calcio mi chiedevo se i due calciatori esistessero davvero e se fosse ispirato ad una storia vera. baci

    RispondiElimina
  8. Se il mio contatore di visite dice il vero sulla tua città di provenienza, del calciatore in questione, a occhio e croce, hai sentito parlare.
    Ma smentisco categoricamente che si tratti di una storia vera, come dice chiaramente il disclaimer in alto a destra.
    E comunque no, Carrizo e Bogado non esistono.

    RispondiElimina
  9. Povero Miguel! Magari se invece del pistolino seguiva la "linea del procuratore" (trovata e descrizione veramente superb) di milioni ne portava via un po' di più...Poveretto solo 100.000 Euri al mese...E che ci vuoi fare con i tempi che corrono? Massimo un paio di spesucce all'Esselunga.

    ps. Sul mio blog puoi scrivere di tutto...grazie.

    RispondiElimina
  10. Ne approfitterò, Martina :)

    Grazie a te.

    RispondiElimina
  11. 'azzo... Prendi il milione e due e scappa, Miguel! Storia non vera ma molto, molto, verosimile...

    RispondiElimina
  12. Miguel ha sangue caldo, tra l'altro, localizzato in uno specifico sito corporeo. Gianluigi ha del bel sangue freddo. Ma a Domenico si è ghiacciato il sangue eh?
    P.S. Carrizo è proprio un degno cognome da calciatore! :D

    RispondiElimina
  13. Ma io non so perchè ma passerei la mia giornata sul tuo blog Silas! Ci regali proprio dei bei racconti! Grazie!

    RispondiElimina
  14. @AleCava: sì, mi sembra un consiglio saggio. Ma Miguel lo sa meglio di me e te
    @Charlie: perché, Bogado no? http://it.wikipedia.org/wiki/Club_Nacional#Rosa_Apertura_2009 (il numero 2).
    @Calliope: e cosa te lo impedisce? :)
    @Ragno: beh, dillo a Miguel.

    RispondiElimina
  15. Sebbene l'argomento non mi attiri, ho letto il tuo racconto molto volentieri. Bellissima la "linea del procuratore".
    Ciao, Giacinta

    P.S.
    Scritto in un Cafè?

    RispondiElimina
  16. No, Giacinta. Scritto a casa, in una domenica piovosa.

    Grazie :)

    RispondiElimina
  17. bah, guadagna poco. consiglio uno sciopero dei calciatori.

    RispondiElimina