venerdì 29 ottobre 2010

Socialismo e barbarie

Dal vivo P. F. era più squallido che in video. Grassoccio, sudaticcio, era l'esemplare-tipo di questa repubblichetta: viscido, sboccato, amante della battuta di pessimo gusto, si avvicinava a te con l'atteggiamento di chi è il padrone del cielo e della terra.
- È un piacere conoscerla.
- Tu sei...?
- Simone Bocucci. Il nuovo aiuto regista.
- Bocucci. Un cognome che ha fatto grande questo Paese.
- Troppo buono, dottor F.
- Smettila di chiamarmi dottore. Chiamami P., siamo colleghi.
- Lo metterò nel curriculum: P. F. mi ha detto di dargli del tu.
- Smettila di fare il leccaculo, Simone. Col cognome che porti non ne hai bisogno.
P. F. sorrise. Mi schiacciò l'occhio e viscido com'era arrivato se ne andò. Maledetto F., servo prostrato di un padrone inesistente, un giorno ti schiaccerò. Un giorno la rivoluzione proletaria prenderà il sopravvento, un giorno i traditori saranno passati per le armi. Un giorno il sol dell'avvenire illuminerà questo Paese, riporterà la giustizia e la pace.
- Simone?
- Sì, Enrico?
- Oggi hai l'occasione per far vedere quel che vali.
- Porto i caffé?
- Smettila. Oggi è una giornataccia, con 'ste tre puntate da registrare e tutto il resto. Io ho bisogno di tempo, di concentrazione. Mi serve il tuo aiuto: prendi la troupe di Miraglia e vai nello studio 32 con Antonio e Giulio. Girerai la tua prima telepromozione: “Regia di Simone Bocucci”. Come ti sembra?
- Grandioso, capo. Grandioso.
Le odio, queste telepromozioni. Strumento del demonio, corruttrici di popoli. Avamposto del consumismo, di una società basata sul nulla. Di una società che merita di essere governata da Bartolini e dai suoi servi sciocchi: ma verranno, i giorni del giudizio, verrà il potere del popolo, verrà la libertà degli oppressi.
- Maledetti occhiali, li hai visti?
- Gli occhiali? Ancora li cerchi in giro per casa? Non hai sentito la novità?
- Quale novità?
- Sei stanco di sbattere contro le porte alla ricerca dei tuoi occhiali? Sei stanco di vagare nel buio senza trovare quel che cerchi? Da oggi non sarà più necessario: grazie ai nuovi occhiali Gombini basterà pigiare un interruttore e gli occhiali squilleranno. Guarda i miei: non posso perderli più.
- E poi che belli.
- Già: sono stati disegnati dalle firme più prestigiose del panorama internazionale. I miei sono di Armeni, ma guarda qui: questi sono stati disegnati da Amaro&Soprabito, questi altri da Versaccio. Ma la collezione è molto più ricca: Fofò Canale, Gabriel Bulgaro, Gianluca Doré. Non c'è che l'imbarazzo della scelta.
- Gombini, come ho fatto senza di voi?
Buona la prima e vaffanculo. E vaffanculo a tutti voi. Torno a casa, aspetto il mio momento. Fra non molto arriverà, già me lo vedo: P. F. conduce il suo show, puttanelle e mezzi uomini si danno da fare per guadagnare un primo piano, e io intanto ripeto il mio mantra finché non arriva il mio turno. “Bandiera rossa la trionferà, bandiera rossa la trionferà, bandiera rossa la trionferà, evviva il comunismo e la...”.
- Pubblicità.

25 commenti:

  1. Mi piace proprio come scrivi. Lo voglio far leggere ad una persona che conosco un pò...
    Lavora in Sipra. :-D

    RispondiElimina
  2. Entusiasmante!
    Bravissimo
    Marilena
    P.S. - difficilmente scrivo commenti così stringati.
    Questo tienilo da conto come una rarità :)

    RispondiElimina
  3. Fabio: eheh grazie. Fammi sapere :)
    (Ne farò tesoro, Marilena. E grazie anche a te).

    RispondiElimina
  4. non ce lo toglieremo mai dai piedi P. F....

    RispondiElimina
  5. Ah, a proposito. Chi indovina chi è P. F. e qual è il procedimento usato per denominarlo così vince una dedica sul racconto più bello che io abbia mai scritto (e che dovrei pubblicare alla fine della settimana prossima).

    RispondiElimina
  6. per quanto banale possa essere come commento...bellissimo racconto:)

    per quel che può significare P.F. tiro a indovinare: pseudo-fascista:P?
    quel calcare la mano sul viscido mi fa pensare a Vespa, ma dalla descrizione iniziale non si direbbe...un aiuto:)?

    RispondiElimina
  7. Nessun aiuto. Mica le regaliamo, le dediche ;)

    (Vi ricordo che il concorso prevede due risposte: a) chi è; b) perché l'ho chiamato così. Non saranno accettate risposte parziali).

    RispondiElimina
  8. Mi arrendo alla scommessa, non sono brava con queste cose... Ma passo a leggerti. Bravo ;)

    RispondiElimina
  9. A onor del vero, questo è forse uno dei migliori racconti che ho letto qui dentro... E comunque al giochino non posso partecipare perchè io che non ho tv cosa ne posso sapere di "chi conduce cosa" al giorno d'oggi...?

    RispondiElimina
  10. Paolo Fonolis?
    Parlo Fonte?
    Peo Faffuccari?
    Pieremilio Fede?

    RispondiElimina
  11. Non fare l'ingorda, Vaniglia: tu una dedica l'ha già avuta. Tu e la lettrice silenziosa siete le uniche, finora.
    (Se devo essere sincero no, questa non entra nella mia top 5. Ma ovviamente ciascuno attribuisce a ciò che scrive valenze particolari, e chi conta è solo il lettore. Sono felice che ti sia piaciuto).
    Maraptica, tu neanche un tentativo. Su, su: non costa mica ^^
    (Scherzo, ovviamente. Grazie per l'apprezzamento).

    Ad essere sinceri, comunque, il racconto in questione non l'ho ancora scritto. Non sono certo al mille per mille che venga fuori come mi auguro. Anzi: non sono sicuro che venga fuori qualcosa di accettabile. Di più: non posso garantire che venga fuori tout court.
    Ma mi piace, ecco, mi piace, almeno adesso che non esiste.

    RispondiElimina
  12. a) Francesco Pingitore.
    b) Hai tolto Pier perché sputtanerebbe la sua "affiliazione alla famiglia"...
    ;-)

    RispondiElimina
  13. Non ci siamo. Non ci siamo proprio ;)

    RispondiElimina
  14. Io gli occhiali no, ma qualche volta smarrisco il cellulare. Ecco, uno che squilla mi farebbe proprio comodo...

    RispondiElimina
  15. Uh! Pier Ferdi! (a quest'ora il neurone non può farcela, e tu ci carichi pure la pressione da dedica in premio!)
    (gli occhiali che suonano! li voglio anch'io i Gombini!...insieme alla dedica!) :P

    RispondiElimina
  16. Ad essere sinceri, comunque, il racconto in questione non l'ho ancora scritto. Non sono certo al mille per mille che venga fuori come mi auguro. Anzi: non sono sicuro che venga fuori qualcosa di accettabile. Di più: non posso garantire che venga fuori tout court.
    Ma mi piace, ecco, mi piace, almeno adesso che non esiste.

    Vedi che ho ragione su Massimo Troisi?
    ......pause aggiuntive per la riflessione e la specificazione.
    Ma anche Woody Allen......a legger bene, lo stile c'è :)
    Marilena

    RispondiElimina
  17. Pulp fiction? uhmmm non è un nome

    RispondiElimina
  18. io non azzardo a dare una risposta...non sono capace in questi giochi:) comunque il racconto mi è piaciuto molto...anche se nella mia testa penso che Simone Bocucci farà la stessa identica fine di P.F...

    RispondiElimina
  19. ma scrivi racconti nel tuo blog?!
    molto bello!!!
    è un piacere conoscerti!!!

    RispondiElimina
  20. Mi vengono in mente tante, troppe cose ... Ma, sì, chissà che il sarcasmo non aiuti ...

    RispondiElimina
  21. Anch'io ho lo stesso problema, g9. Sarebbe utile anche un telefono che corregge la vista, ecco.
    @Charlie e Usagi: niente, ragazze, non ci siamo :)
    @Marilena: comunque non fraintendermi: per me è ovviamente piacevole essere paragonato a M. T. o W. A. Soprattutto il secondo, ecco, mi sembra che abbia costruito un personaggio con una grande aderenza alla realtà nei dialoghi.
    @Sabby: ebbene sì. Piacere mio
    @AM: Il sarcasmo aiuta sempre. E poi dimmi: cosa ti viene in mente?
    @Calliope: Grazie :) Sì, credo anch'io che farà quella sorte.

    RispondiElimina
  22. Ciao!
    mi sto arrovellando da ben tre minuti e ancora non sono venuta a capo di niente... istintivamente penso a gerry scotti, con PF che c'entra qualcosa col riso, tipo Piatto Freddo...
    ma mi sa che sono lontana. Quanto all'infestazione sul mio blog, sarebbe un onore.
    Cecilia

    RispondiElimina
  23. No, non ci siamo :)

    (Quello che dici sarà usato contro di te. Pentiti, finché sei in tempo).

    RispondiElimina